Mini Motorways. No stress.

Dopo il successo del molto “casual” Mini Metro (2014), Dinosaur Polo Club prova ad aggiornarsi con Mini Motorways riuscendo a creare un sistema di gameplay alternativo pur mantenendo gli stessi ingredienti del successo precedente.

Se in Mini Metro l’intento era “semplicemente” quello di unire con una rete underground gli hot spots di una capitale in espansione, facendo attenzione al sovraffollamento delle linee ed al conseguente game over, in Mini Motorways dobbiamo fornire ai nostri piccoli cittadini la più efficiente infrastruttura stradale possibile. Il tutto è scandito da un calendario che regolerà ore di punta e flussi di traffico mentre, casetta dopo casetta, la mappa cittadina si popolerà di punti di interesse da collegare nel più breve tempo possibile. Ogni fine settimana il gioco ci chiederà di scegliere tra due potenziamenti della rete stradale che possono variare tra rotatorie, semafori, autostrade, ponti, ecc…

La base del gioco resta quindi simile al titolo precedente se non che Mini Motorways riesce ad essere più vario, più longevo, e potenzialmente più addictive del pure ipnotico Mini Metro.

Il design è ancora una volta il punto forte. Se Mini Metro emulava la grafica di una classica mappa della metropolitana, Mini Motorways resta fedele all’approccio minimal riuscendo però a risultare più complesso e curato. Musica e sound non sono degna di nota, ma hanno il pregio di tenere il giocatore in stato quasi meditativo.

Una complessa rete cittadina in Mini Motorways.

La modalità multiplayer esiste, ma è molto semplice. Essa consiste in una serie record tra i nostri amici e globali, con ogni giorno ed ogni settimana una nuova sfida in comune nella quale cercare di primeggiare; cosa abbastanza impossibile a giudicare dalla leaderboard globale, ma divertente da giocare tra amici.

Soddisfacente, vario, ossessivo compulsivo. Un vero e proprio anti stress. Mini Motorways colpisce nel segno ed entra di prepotenza tra i giochini dell’estate 2021, anche grazie alla sua presenza su piattaforme portatili come Nintendo Switch e iPhone.

Punteggio finale

Storyline and Characters - 4
Graphic and Art Direction - 8
Music and Sound Design - 6
Gameplay and Game Design - 7.5
Longevity and Variety - 7.5

6.6

Show More

The Casual Gamer

Data stellare Marzo 2020. A causa di un virus alieno diffuso sull’intero pianeta, raggiunto lo stato di illuminazione durante la lunga quarantena in criomeditazione, nasce The Casual Gamer: ennesimo blog di recensioni di videogiochi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button