Space Haven (V.Alpha) un onesto passatempo spaziale

Space Haven è un altro dei tanti giochi strategici e gestionali a tema spaziale ispirato dal geniale Faster Than Light (2012). In questo accesso anticipato della piccolissima software house BugByte (che già aveva pubblicato un gioco sci-fi nel 2016, Battlevoid: Harbinger) dobbiamo costruire la nostra base e gestire attentamente risorse e personale, sopravvivere al vuoto cosmico e ai suoi pericoli, mentre esploriamo la galassia alla ricerca di vita, e risposte.

La principale attrazione del gioco gira attorno alla costruzione della propria nave spaziale. La visuale isometrica in pixel art è funzionale e ben fatta ed anche l’interfaccia, malgrado la mole di informazioni presente su schermo possa intimidire, si presenta pulita ed efficace. Vi sono diverse strutture possibili, e ciascuna di esse svolgerà una funzione vitale per l’astronave e il suo equipaggio, che si tratti di economia interna, gestione di carburante, acqua, cibo, o materiali. La ricerca permetterà in seguito di sbloccare nuove possibilità.

La visione generale della nostra astronave, in Space Haven.

L’equipaggio esegue in automatico le operazioni necessarie al mantenimento della astronave, così come i compiti da noi assegnati. Ogni componente della crew ha dei tratti caratteristici e dei punteggi abilità che comporteranno la sua efficacia in una decina di campi differenti. Esiste anche un sistema di gestione dello stress emotivo e fisico, così come ogni astronauta subirà la complessa rete di relazioni con gli altri personaggi, che lo porterà a diversi comportamenti. Questa meccanica è al momento solo abbozzata in Space Haven, e necessita di ancora molto lavoro per risultare una variabile determinante nel gioco. Al momento possiamo apprezzare la buona gestione della intelligenza artificiale, che riesce a gestire bene la scala di valore delle task assegnatole.

È possibile configurare la nostra base a piacimento.

Altra meccanica che necessita di qualche accorgimento è quella che permette di prendere il controllo diretto del nostro equipaggio. Questo serve a forzare certe azioni, esplorare i relitti abbandonati che troveremo a galleggiare nello spazio profondo, o seguire i combattimenti. Al momento infatti, gli incontri con alieni (o pirati), ed i combattimenti in tempo reale sono ancora abbastanza pressapochisti.

Vi sono poi diverse “fazioni” di NPC nel gioco, con le quali è possibile commerciare ed avere diversi tipi di interazioni. Non si pretende certo la profondità diplomatica di Imperium Galactica, o di Stellaris ma, al momento, si possono compiere pochissime cose (praticamente solo il commercio). Il lavoro da fare per raggiungere un sistema di interazione tra diverse civiltà è ancora tanto.

Possiamo commerciare coi pirati spaziali ma non fidarsi è meglio…

Nonostante sia un early access, in Space Haven si percepisce una grande attenzione ai dettagli. Il gioco, data la sua natura rogue, anche allo stato attuale è avvolgente e vario, e presenta una elevata rigiocabilità. Per questo, il titolo ha ricevuto molta attenzione dagli utenti di Steam, con numerose recensione positive ed una fan base dedicata ed attenta. È da citare anche la minimale ma emozionante colonna sonora originale (che ha già vinto dei premi).

Space Haven, dicono i suoi sviluppatori, sarà pronto in un anno o due. Sono quindi da aspettarsi moltissime features aggiuntive e, speriamo, anche le meccaniche mancanti e limitate verranno approfondite e corrette. Il gioco è da subito interamente tradotto in molte lingue, italiano compreso! Una nota negativa è il prezzo… Al momento il titolo è disponibile su Steam a 21,99€, decisamente troppo per un gioco indipendente di questo tipo; cercate di trovarlo scontato.

Prima impressione

V.Alpha10 - 6.2

6.2

Il gioco è ancora in fase di sviluppo. Il voto non rappresenta il giudizio finale che sarà espresso, nella recensione completa, ad uscita del gioco.

Show More

The Casual Gamer

Data stellare Marzo 2020. A causa di un virus alieno diffuso sull’intero pianeta, raggiunto lo stato di illuminazione durante la lunga quarantena in criomeditazione, nasce The Casual Gamer: ennesimo blog di recensioni di videogiochi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button